fbpx

da | Giu 28, 2024 | Approfondimenti | 0 commenti

Assicurazione cointestata: cos’è e quali sono i vantaggi

 

Può succedere che si renda necessario cointestare un’auto, situazione in cui il veicolo avrà due o più proprietari le cui firme saranno presenti sul libretto. Quando si decide di cointestare un’auto, è importante ricordare che tutti i diritti e i doveri ricadono su ciascun proprietario. Ad esempio, se si vuole vendere l’auto, saranno necessarie le firme di tutti i cointestatari, e ciascuno riceverà la propria quota.

Come si gestisce l’assicurazione in questo caso? Anche l’assicurazione dell’auto può essere cointestata.

 

Di cosa si tratta?

L’assicurazione auto cointestata è un’opzione per coprire un’auto di proprietà di più persone. In questo caso, l’assicurazione protegge tutti i proprietari del veicolo o i guidatori autorizzati con una sola polizza. Questa soluzione è comune tra coppie sposate o conviventi che acquistano un’auto insieme, ma può essere applicata anche in altre situazioni, come nel caso di un’auto condivisa tra più familiari.

 

 

I vantaggi e gli svantaggi

I vantaggi e gli svantaggi dell’assicurazione auto cointestata devono essere valutati con attenzione. Quando si cointesta un’auto e quindi l’assicurazione, la classe di merito utilizzata per il preventivo sarà quella del guidatore con meno esperienza, quindi la più alta. Ad esempio, se un neopatentato e un genitore cointestano un’auto (senza beneficiare della Legge Bersani), verrà applicata la classe di merito 14, quella di base.

Tuttavia, c’è un caso in cui cointestare l’assicurazione auto può risultare vantaggioso: quando una delle persone cointestatarie esce dal nucleo familiare, la cointestazione dell’assicurazione permette di conservare la classe di merito, a patto che l’altro cointestatario vi rinunci.

Per spiegare con un esempio pratico: se un neopatentato e un genitore cointestano l’assicurazione auto e il neopatentato esce dal nucleo familiare, il genitore dovrà rinunciare alla propria classe di merito affinché il figlio possa mantenere quella dell’assicurazione cointestata.

 

 

La legge Bersani

La Legge Bersani 40/2007 ha apportato significative innovazioni nel settore delle assicurazioni, consentendo di trasferire la classe di merito più favorevole all’interno di un nucleo familiare.

In questo contesto, non è necessario cointestare l’auto, poiché la Legge Bersani si applica indipendentemente dalla proprietà del veicolo. Inoltre, non è richiesta un’assicurazione cointestata: ogni membro della famiglia può avere una polizza a suo nome, beneficiando della classe di merito più bassa tra quelle disponibili nel nucleo familiare.

Tuttavia, c’è un aspetto da tenere a mente: se un membro del nucleo familiare cambia residenza, non potrà più usufruire della Legge Bersani per la propria polizza e dovrà ripartire dalla CU14.

 

 

SEGUICI SUI SOCIAL

ARTICOLI CHE POTREBBERO PIACERTI

Limite di Velocità di 30 km/h: lo studio

Limite di Velocità di 30 km/h: lo studio

Limite di Velocità di 30 km/h: lo studio   Una recente ricerca ha scoperto che la limitazione della velocità a 30 km/h potrebbe aumentare l'inquinamento. I motori a combustione interna, infatti, sono progettati per funzionare in modo ottimale a velocità tra i 70 e gli...

Pneus 2000 a Offanengo è un interlocutore unico per tutti i servizi di manutenzione dell’auto: centro gomme, officina e noleggio per privati e aziende.